La definizione dei criteri di esclusione, di selezione e di aggiudicazione

Sampa questa pagina

Dopo aver elaborato il capitolato d’oneri e il modulo di risposta, l’ente stabilisce i criteri volti ad individuare:

A. I criteri i selezione

L’articolo 29 della Direttiva 92/50/CEE del Consiglio del 18 giugno 1992, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di servizi

(Gazzetta ufficiale n° L 209 del 24/07/1992), fornisce un elenco esauriente dei criteri di esclusione, ovvero:

  • stato di fallimento o di liquidazione del prestatore di servizi,
  • procedimento per la dichiarazione di fallimento,
  • condanna per un reato che incide sulla moralità professionale ( qui),
  • mancanza grave commessa nell’esercizio dell’attività professionale,
  • non rispetto degli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali o assistenziali secondo il paese dove è stabilito,
  • non rispetto degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse,
  • mancata iscrizione all’albo professionale o al registro commerciale ai sensi della legislazione nazionale,
  • casi di false dichiarazioni nel fornire le informazioni (soprattutto di natura economica) che possono corrispondere a criteri di selezione quantitativa ,
  • non rispetto degli obblighi di tutela dei lavoratori e dei loro rappresentanti. L’acquirente pubblico deve verificare, presso il candidato o l’offerente, il rispetto delle disposizioni relative alle condizioni di lavoro:
    • il massimo di ore lavorate e i periodi minimi di risposo,
    • la durata minima delle ferie pagate annuali,
    • lo stipendio minimo,
    • le condizioni di assunzione degli addetti, ad esempio mediante agenzie di lavoro interinale,
    • la sicurezza, la salute e l’igiene sul luogo di lavoro,
    • le misure di tutela applicabili alle condizioni di lavoro e il lavoro delle donne in gravidanza e maternità, dei minori e dei giovani,
    • le pari opportunità tra uomini e donne ed altri provvedimenti relativi alla non discriminazione.

L’ente può richiedere gli estratti del casellario giudiziario o documenti equivalenti per verificare il rispetto degli obblighi imposti al candidato.

I criteri di esclusione includono altresì il mancato rispetto delle normative europee e nazionali, del diritto fiscale, del diritto del lavoro, dei contratti collettivi, delle norme vigenti in materia di igiene e sicurezza alimentare, degli adempimenti HACCP

Ad esempio, una causa intentata per mancato rispetto dei contratti collettivi o per violazione delle disposizioni legali in materia di minimo salariale o di tutela dell’occupazione.

B. I criteri i selezione

Si tratta di criteri oggettivi atti ad individuare gli operatori economici ammessi a presentare un’offerta. Ogni ente sceglie i criteri di selezione in base alla portata e alla complessità (tecnica, economica) dell’appalto nonché agli obiettivi che intende raggiungere.

FERCO e EFFAT raccomandano agli enti di valutare accuratamente, al momento della selezione, l’adeguatezza del prestatore alla portata/complessità dell’appalto, soprattutto nel caso in cui si rendano necessari degli investimenti.

I criteri in oggetto vertono su :

1. La presenza geografica/la dimensione dell’azienda

Queste informazioni forniscono elementi concreti sul tipo di azienda : multinazionale, azienda europea, nazionale, regionale o locale

Le referenze della SRC nel settore di attività interessato dal procedimento di gara : lavoro, educativo, socio-sanitario, altri….

Ai fini della verifica delle referenze, si dovrà indicare le coordinate dei soggetti indicati dall’offerente. Questa informazione consente all’ente di verificare la capacità dell’azienda di rispondere alla richiesta di servizi in un determinato settore.

2. La struttura del capitale societario e i principali risultati economici

Seppur di carattere generale, questa informazione permette di acquisire i dati relativi alla stabilità finanziaria dell’offerente. I dati richiesti risalgono agli ultimi tre esercizi contabili.

3. La politica sociale dell’impresa

Si tratta di informazioni che vertono sull’assetto delle relazioni industriali stabilite tra l’azienda e le organizzazioni che rappresentano i lavoratori nonché sul contratto collettivo applicabile.

4. Altri criteri di selezione

Qualora l’ente abbia implementato delle procedure di qualità (certificazione ISO o certificazione dei servizi), i prestatori potrebbero essere tenuti ad eseguire gli stessi adempimenti. Lo stesso vale per la responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile.

C. I criteri di aggiudicazione

Dopo aver selezionato gli offerenti, l’ente deve analizzare e confrontare le offerte per aggiudicare l’appalto. Ai sensi della Direttiva europea sugli appalti pubblici di servizi, i criteri di assegnazione possono essere i seguenti:

« Fatte salve le disposizioni legislative, regolamentari o amministrative nazionali relative alla rimunerazione di servizi specifici, i criteri sui quali si basano le amministrazioni aggiudicatrici per aggiudicare gli appalti pubblici:

- o, quando l'appalto è aggiudicato all'offerta economicamente più vantaggiosa dal punto di vista dell'amministrazione aggiudicatrice, diversi criteri collegati all'oggetto dell'appalto pubblico in questione, quali, ad esempio, la qualità, il prezzo, il pregio tecnico, le caratteristiche estetiche e funzionali, le caratteristiche ambientali, il costo d'utilizzazione, la redditività, il servizio successivo alla vendita e l'assistenza tecnica, la data di consegna e il termine di consegna o di esecuzione oppure,

- esclusivamente il prezzo più basso.

quando l'appalto è aggiudicato all'offerta economicamente più vantaggiosa,l'amministrazione aggiudicatrice precisa, nel bando di gara o nel capitolato,i criteri che intende applicare, indicando l’ordine decrescente di importanza ad essi assegnato. »

D. Riassunto

Tabella 12 : I principi di esclusione, di selezione, di aggiudicazione

Fase 1 : criteri di esclusione
L'esclusione automatica dal procedimento di gara Stato di fallimento o di liquidazione
Procedimento di dichiarazione di fallimento
Condanna per un reato grave che incide sulla moralità professionale del prestatore di servizi
Grave negligenza commessa nell’esercizio dell’attività professionale
Non rispetto degli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali o assistenziali secondo il paese dove è stabilito
Non rispetto degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse
Mancata iscrizione all’albo professionale o al registro commerciale ai sensi della legislazione nazionale Casi di false dichiarazioni nel fornire le informazioni (soprattutto di natura economica) che possono corrisponderea criteri di selezione quantitativa.
Non rispetto degli obblighi in materia di tutela dei diritti dei lavoratori
Fase 2 : i criteri di selezione dei prestatori di servizi
La selezione del tipo di impresa invitata a partecipare alla gara
A. La presenza geografica/ la dimensione dell’azienda
B. Le referenze della SRC nel settore di attività interessato dal procedimento di gara
C. La struttura del capitale e i principali risultati economici
D. La politica sociale della SRC
E. gli altri criteri di selezione
Fase 3 : i criteri di aggiudicazione
La selezione del prestatore di servizi Valutazione di ogni offerta in base ai criteri di aggiudicazione e dei requisiti contenuti nel capitolato d’oneri.
L'aggiudicazione dell’appalto/contratto può riguardare
a - L'offerta dichiarata economicamente più vantaggiosa in base valeur Al valore tecnico o qualitativo e al valore economico, Oppure
b - L’offerta che presenta il prezzo più basso
Tematica :

Appalti pubblici di ristorazione collettiva

Contenuto della guida

Con il sostegno finanziario dell'EU
Grant Agreement
VS/2004/0655 SI2.39852